The People Company
 

L’importanza sociale della resilienza delle aziende

 

Sapete perché un neonato quando ha fame piange?…

Secondo un ricercatore dell’Università di Delaware, Kathleen J. Tierney, una situazione di crisi può essere identificata come una situazione in cui molte persone cercano di fare rapidamente cose che non fanno ordinariamente, in un ambiente non familiare.

Affrontiamo quotidianamente problemi che se fossero lasciati a sé porterebbero danni anche irreparabili al business, ma nessuno pensa di definirli crisi…semplicemente perché sono problemi a cui siamo abituati … non ci spaventano.

Una crisi implica che dobbiamo affrontare una situazione ignota, ciò significa che non sappiamo come dobbiamo agire per gestire i problemi al meglio. Anche se fossimo cosi bravi da avere chiaro in testa quali sono le cose da fare non è detto che riusciamo a dare la priorità giusta o che non finiamo con il trascurare qualche passo, considerandolo di minore importanza, mentre poi in realtà si rivela la causa della nostra capitolazione.

Peraltro, non possiamo scordare che quando ci troviamo ad affrontare una situazione critica, tanto più importante è la crisi quanto più grande è la sensazione di panico che ci offusca la mente.

Un evento critico porta, per sua definizione intrinseca, l’azienda ad un livello di instabilità; sapere reagire ad una crisi potrebbe diventare una questione di sopravvivenza!

Un’azienda che non ha la capacità di reagire ad un evento critico costituisce un danno per l’intero ecosistema costituito dal contesto in cui essa stessa opera. Basti pensare a quello che succede a seguito di un fallimento:

  • i dipendenti vengono messi in Cassa Integrazione causando un problema economico per lo stato, o gli stati, dove il business dell’azienda si è sviluppato;
  • i fornitori perdono un cliente;
  • i clienti vivono il disagio di sostituire un fornitore ammesso che ciò sia fattibile in tempi rapidi e senza conseguenze.

…un neonato piange perché si trova ad affrontare un dolore che ignora! Non sa cos’è la fame…e questo lo spaventa!

Si può superare una crisi solo se si è preparati a gestirla.

Avere delle linee guida da seguire quando si verifica un evento critico ci garantisce di attuare tutti i passi importanti che ci aiutano a mitigarla; questo è già molto ma forse non ancora abbastanza! Uno strumento che, oltre a supportarci per creare e mantenere dei piani di gestione di una crisi e guidare gli operatori nel momento in cui una crisi occorre, ci dia modo di fare delle simulazioni e di allenare il team di crisis management fa sì che le montagne diventino sassolini.

OMNINECS offre sul mercato l’Emergency Response Director, una soluzione che identifica le crisi sulla base di una “tassonomia”, ad ogni tassonomia è possibile associare uno o più “milestone template” opportunamente definiti in precedenza, che altro non sono che i piani con cui si intende affrontare quel tipo di crisi. I milestone template sono costituiti da una sequenza di milestone, ovvero dei contenitori di azioni, e ogni azione costituisce un gruppo di comunicazioni, massive o puntuali, verso stakeholder coinvolti e atta a distribuire o collezionare informazioni piuttosto che assegnare compiti specifici.

La possibilità di creare degli eventi di simulazione consente di mantenere il team di lavoro sempre allenato.

Una reportistica dettagliata da modo di provare al contesto sociale quanto reattiva sia stata l’azienda nell’affrontare la crisi, ovvero quanto l’azienda sia resiliente.

 

Prova gratuitamente la soluzione, registrati sul sito ERD by OMNINECS